lunedì 18 ottobre 2010

Cobeletti (gobeletti)

Ricetta per 4 persone (ingredienti e quantità)

400 g di farina, 250 g di zucchero, 1 tuorlo d’uovo, 150 g di burro ammorbidito, 1 cucchiaio di marsala, confettura (ad es. di pesche), un poco di latte


Preparazione (tempo 1,5 ora circa)

Cobeletti significa piccoli cappelli, sono pasticcini ripieni di confettura. Realizzare velocemente nel modo consueto, a mano o nella planetaria, la pastafrolla (farina burro zucchero latte), arricchendola con l’uovo e il marsala. Se troppo soda, unire un goccio di latte. Fasciarla e riposarla un’ora in frigo. Stenderla poi a sfoglia non troppo sottile, 3-4 mm, e incidere con un coppapasta a rettangoli. Coi ritagli fasciare l’interno imburrato delle apposite formelle smerlate – tipo quelle da muffin - , diametro 3-4-5 cm (oppure creare con le dita dei coni capovolti). Farcire di confettura (attenzione: se troppa fuoriesce in cottura) e ricoprire con altra sfoglia pressando bene, anzi meticolosamente!, i bordi tutt’intorno. Tegame leggermente unto e forno già caldo ma tenuto un po’ basso, max 180°, per una decina o quindicina di minuti. Se piace, servirli con zucchero a velo. Ricorrono per Sant’Agata, il 5 febbraio. L’abbinamento enologico suggerito è sempre un passito, ad es. Pigato La Vinsa (Lupi)

Umberto Curti
Storia e tradizione dei cobeletti li trovi nell’Alfabeto del Gusto di Ligucibario, il sito dedicato al made in Liguria e all’etnogastronomia
Le più importanti parole relative a vino, formaggio, pasticceria, pasta, salumi, olio, birra e cucina (compreso un focus specifico sulla cucina araba) le trovi nel Lessico delle Arti Alimentari, sempre su http://www.ligucibario.com

Nessun commento:

Posta un commento